Interpretazione di clausole di classificazione del personale di un contratto collettivo aziendale

14 aprile 2020

La Corte di Cassazione, sezione lavoro, nella recente pronuncia n. 4183 del 19 febbraio 2020, ha ribadito il principio secondo cui in sede di interpretazione  delle clausole di un contratto collettivo relative alla classificazione del personale in livelli o categorie, ha rilievo preminente, soprattutto se il contratto ha carattere aziendale, la considerazione degli specifici profili professionali indicati come corrispondenti ai vari livelli, rispetto alle declaratorie contenenti la definizione astratta dei livelli di professionalità delle varie categorie, poiché le parti collettive classificano il personale non sulla base di astratti contenuti professionali, bensì in riferimento alle specifiche figure  professionali dei singoli settori produttivi, che ordinano in una scala gerarchica, elaborando successivamente le declaratorie astratte, allo scopo di consentire l’inserimento di figure professionali atipiche o nuove.